Dal 27 Luglio scorso, la Concordia è ormeggiata presso la diga foranea del Porto di Prà Voltri, dove è in corso la fase di alleggerimento del relitto attraverso la rimozione degli arredi e delle strutture interne.

La Concordia attualmente è tenuta in galleggiamento attraverso un sistema composto da 30 cassoni di galleggiamento, i cosiddetti sponson. Si tratta di grandi strutture di acciaio installate per fornire la spinta necessaria per poter far riemergere e per tenere a galla il relitto. Ne sono stati installati 15 sul lato di sinistra e 15 sul lato di dritta. Questi ultimi sono collegati con delle catene tenuti in tensione con dei martinetti idraulici, i cosiddetti strand-jacks.

I sistemi sono tenuti sotto controllo dal Remote Operation Center (ROC), una sala operativa posta direttamente sulla Concordia, in cui sono installate tutte le strumentazioni di comando e controllo per la movimentazione della zavorra all’interno dei cassoni, nel rispetto della stabilità, assetto e distribuzione degli sforzi dello scafo. Un team di ingegneri e tecnici verifica e monitora costantemente questi parametri grazie ai segnali forniti dai sensori installati sugli sponson stessi e visualizzati a video.

La nave è presidiata 24 ore su 24, 7 giorni su 7 da un team di 11 persone di sorveglianza che si alternano in turni.

Genova ph-merlo 140731-6554

Concordia – Dettagli tecnici

Lunghezza fuori tutto: 289,6 metri
Lunghezza fuori fasciame compresi cassoni: 62,5 metri circa
Immersione massima (inclusi gli ingombri rappresentati dalle catene sotto la chiglia): 18 metri circa